Incontri con l’autore: Antonio Paolacci – Piano Americano

Incontri con l’autore: Antonio Paolacci – Piano Americano

VENERDI’ 16 MARZO
ore 19.00

presso la sede dell’Associazione
in via Giovanni Gradenigo 10, PD

 

Dopo aver ospitato scrittori e dopo aver partecipato al grande festival letterario LA FIERA DELLE PAROLE, l’Associazione Culturale Fantalica di Padova propone un nuovo “incontro con l’artista”Antonio Paolacci presenterà il suo romanzo “Piano Americano”.

 

Questo libro narra la storia di un manipolo di personaggi bizzarri impegnati a realizzare uno scherzo mediatico di portata storica, una storia dal sagace gusto cinematografico, piena di intricati e complessi artifici narrativi. Ora che Paolacci sta per diventare padre, riuscirà a comporre il suo libro più autentico, dove la vita e le vicende dell’autore si intersecano continuamente con quelle dei suoi personaggi, che escono dalla pagina e si insinuano nel reale in un continuo gioco di sponda tra finzione e realtà.
Un romanzo che non è un romanzo, tra cinema, editoria, letteratura e realtà, in cui tutto ci viene svelato per dirci che niente è mai del tutto vero. Un saggio autobiografico, un racconto che rivela la verità più sincera tramite spudorate menzogne, un libro irriverente e funam¬bolico sull’arte stessa della narrazione.

Antonio Paolacci, nato nel 1974 nel basso Cilento (ora residente a Genova), è editor e consulente editoriale. Dal 2011 dirige collane di narrativa e saggistica. Come autore ha pubblicato: Flemma (Perdisa Pop, 2007 – Morellini 2015); Salto d’ottava (Perdisa Pop, 2010); Accelerazione di gravità (SenzaPatria, 2010); Tanatosi (Perdisa Pop, 2012), oltre a svariati racconti in antologie collettive. Dal 2016 cura insieme a Paola Ronco il blog «Archivio Roncacci».

 

Durante la serata interverranno Laura Liberale e Heman Zed.
L’ingresso è gratuito, ma con è prenotazione.

 

 

Recensioni del libro:
Scrivere significa torcersi le budella, pensare molto intensamente, sempre, e osservare nel profondo, e riflettere troppo, e cambiare se stessi in un mondo che mai cambia. […] Vuol dire toccare con mano che da ultimo non esiste nessuna verità da difendere, che le risposte non sono che altre domande, poste sbagliate. […] E dunque, per rivendicare la mia identità, io posso solo opporre il silenzio al rumore, l’immobilità al potere coercitivo, togliermi l’o¬vatta dalle orecchie e ficcarmela in bocca. È il passo ultimo dello scrittore, il passo più maturo dell’artista, il recupero dello Stile as¬soluto, la più alta forma di eleganza artistica: togliersi dai coglioni.

Doveva intitolarsi Piano Americano. Sarebbe stato un libro molto diverso dai miei precedenti. Sarebbe stato leggero, a tratti comico, a tratti delirante, sperimentale e inconsueto. […] Doveva essere il mio lavoro migliore e quasi certamente sarebbe stato l’ultimo di qualità: un romanzo volutamente fallimentare.
“Antonio Paolacci è un editor, lavora sui libri e con i libri da anni, e ha idee nuove e coraggiose. Proprio per questo, nel suo nuovo romanzo si mette in gioco completamente. Fa una scommessa. Rischia. E vince.”
Andrea Cotti – scrittore e sceneggiatore

“Rinunciando a scrivere un romanzo, Antonio Paolacci ha scritto il suo romanzo migliore, nel quale le idee si muovono come fos¬sero personaggi per rivelare il dramma nascosto dietro l’artificio della letteratura.”
Alessandro Zaccuri – scrittore e giornalista

Renato Costa “La guerra di Don Piero”

Renato Costa “La guerra di Don Piero”

Renato Costa racconta il suo libro “La guerra di Don Piero”

L’incontro prevede la presentazione del libro di Renato Costa, ambientato tra la seconda metà dell’800 e la prima Guerra Mondiale, da cui si partirà per indagare un periodo storico che vede il Portello interessato da grandi cambiamenti di carattere sociale e culturale.

La serata è inserita negli incontri culturali del progetto Portello Segreto seconda edizione.

vai al programma delle altre serate

Image result for la guerra di don piero

Don Piero è un giovane sacerdote nato e cresciuto al Portello, un quartiere popolare di Padova, sul finire dell’’800. Figlio di una fruttivendola molto religiosa e di un oste libertario, cresce nell’osteria del padre. Questa è un covo di socialisti e di anarchici tenuti d’occhio dalla polizia. Ordinato sacerdote negli anni della guerra di Libia, viene arruolato negli alpini come prete-soldato e mandato a combattere sul Pasubio.

Lì conosce la crudeltà della guerra. Si fa amare dai commilitoni e si offre al posto di un padre di famiglia condannato a morte per diserzione. Salvato in extremis, torna a Padova nei giorni di Caporetto con i gradi di cappellano militare. Su incarico del vescovo si occupa di reduci e profughi in quella che è diventata la “capitale al fronte”.

Con l’armistizio di Villa Giusti l’Italia vince la guerra ma il destino, per don Piero, ha in serbo altro…

Presso la sala conferenze del CSV in via G. Gradenigo 10, Padova.

Martedì 9 maggio ore 21.00.

Incontro con l’autore: Silvia Zidarich

incontro con l'autore: Silvia Zidarich

 

Incontro con l’autore: Silvia Zidarich

Dopo aver ospitato scrittori e dopo aver partecipato al grande festival letterario BABELE A NORD EST l ’Associazione Culturale Fantalica di Padova propone un nuovo incontro con l’artista giovedì 23 febbraio presso la sede di via Giovanni Gradenigo incontrando Silvia Zidarich che presenterà il suo primo romanzo “La ragazza della luna” edito da Ciesse Edizioni.

Conosciamo meglio l’autrice e il suo romanzo…

Silvia Zidarich è nata a Trieste nel 1988.
È laureata a pieni voti in Psicolo-gia all’Università degli Studi di Padova e vive attualmente a Trieste per esercitare la sua pro-fessione nel campo della psico-logia clinica e di ricerca.  Silvia ha partecipato al laboratorio di scrittura permanente LETTERA 22 tenuto da Laura Liberale e Heman Zed organizzato proprio dall’Associazione Culturale Fantalica. ‘La ragazza della Luna’ edito dalla Ciesse Edizioni è il suo romanzo d’esordio in cui l’autrice coniuga la passione per la narrativa con un’attenzione sempre rivolta all’esperienza in-terna del processo di crescita e del disturbo mentale.

Sinossi del romanzo di Silvia Zidarich “La ragazza della Luna”

Cover_La_ragazza_della_Luna

Miriam, 15 anni, una grande passione per lo studio e per i romanzi fantasy, de-testa la realtà dei suoi coetanei, vol-gare, conformista, priva di valori. Decisa a contrapporvi i suoi alti ideali e il suo senso del sacrificio, intraprende una strada verso la perfezione a tutti i costi che la porterà a imbattersi in una letale compagna di viaggio: l’anoressia ner-vosa.
Andy, 17 anni, tipico profilo da adole-scente multiproblematico, un curricu-lum di vandalismi e disgrazie familiari alle spalle, coltiva un sogno nel cassetto del tutto improbabile: diventare un grande poeta. Quando i due incro-ciano i loro percorsi avviene lo scontro tra due modalità opposte di incarnare quella lotta per rivendicare il proprio po-sto nel mondo che è l’adolescenza: da una parte la ribellione a una vita dura che non risparmia i propri colpi; dall’al-tra il rifiuto totale di essa, come voca-zione mistica.
Ma per Miriam, nello scontro c’è in palio anche un premio di altro tipo, cioè la so-pravvivenza a una malattia orribile, suo alter ego oscuro. Attraverso il dialogo con essa, si ripresenta in scena la tra-gica danza umana della vita con la morte, sullo sfondo di una Trieste dal fa-scino crepuscolare.

Vi aspettiamo!

Generazione poesia a strappo

Generazione poesia a strappo

Domenica 6 Novembre 2016 dalle ore 10 alle ore 18
Villa Pollini , Via Cesare Pollini 2/4, Luvigliano Di Torreglia (PD)

Circolo Poetico Correnti
presenta
Generazione
Poesia A Strappo

generazione-poesia-a-strappo

La manifestazione, nata a Crema nel 1995 ,organizzata e prodotta dal Circolo Poetico Correnti e dal 2003 itinerante per le piazze ed i luoghi d’Italia sensibili alla poesia ,giunge a Luvigliano pittoresco borgo frazione di Torreglia PD ed avrà luogo nella bella Villa Pollini che prende il nome dal suo primo illustre proprietario: il pianista Cesare Pollini (1858-1912). Poesia A Strappo offre al lettore la possibilità di effettuare lo strappo dei testi degli autori, assemblati in blocchi e posizionati su pannelli e di creare una piccola antologia personale di poesie attraverso la libera scelta dei testi esposti.Questa edizione di Poesia A Strappo intitolata Generazione è dedicata alla nascita interiore della parola nella fertilità di un movimento creativo. Al concempimento di tempo e spazio ed anche all’appartenenza ad una età dell’esistenza.Poesia A Strappo Generazione è organizzata dal Circolo Poetico Correnti in collaborazione con l’Enoteca Villa Pollini.

Programma Eventi

Dalle 10:00 alle 18:00
Esposizione dei Pannelli per Poesia A Strappo Generazione nel Salone Verde di Villa Pollini

Dalle 11:00 alle 12:00 Reading dei poeti
Renzo Favaron Maria Grazia Galatà Giovanni Asmundo
Esther Messina Gigi Miracol

Dalle 17:00 alle 18:00 Reading dei poeti
Giuseppe Nigretti Annitta Di Mineo Matteo Roskaccio
Valeria Raimondi Francesca Diano Alberto Mori

Tutti gli eventi sono organizzati dal Circolo Poetico Correnti e si svolgono all’interno della Villa Pollini.

Per la loro realizzazione si ringrazia l’Enoteca Villa Pollini ed Esther Messina

Info: Alberto Mori Circolo Poetico Correnti Cell: 339 4469848
E mail:mementomor4@gmail.com Esther Messina Cell 3484162004